Dai un'occhiata a Floating Flo su Yelp

L'orizzonte degli eventi

L'orizzonte degli eventi

Penso che molte persone si possano sentire a disagio durante una sessione di floating: è un ambiente inusuale, e sei spogliato di quasi tutti i tuoi abituali comfort: lo smartphone, un'altra persona con cui parlare, tutte le distrazioni ambientali compreso il rumore di sottofondo (a meno che tu non scelga di mantenere la musica per tutta la durata della sessione) - entri nel niente, e praticamente rimani veramente e assolutamente solo con te stesso e i tuoi pensieri.

Una condizione che a livello psicologico per molti può essere non proprio confortevole specialmente se si passa la maggior parte del tempo distraendosi da ciò che sta realmente accadendo nella propria testa. Che lo si faccia consapevolmente, per dissonanza cognitiva, o perché si è immersi in questo immenso limbo ipnotico che ci controlla, in buona sostanza siamo sempre più distaccati da noi stessi ed un numero sempre minore di persone cercano di riconnettersi col proprio io profondo il “deep self” come lo chiama John C. Lilly.

Floating Clinico: gli studi ed i risultati

Floating Clinico: gli studi ed i risultati

I documenti pubblicati sono relativi all’aspetti clinici della terapia del Floating (galleggiamento, REST, Deprivazione Sensoriale) sono qui raccolti con lo scopo di fornire un supporto scientifico a ricercatori e medici in tutte le discipline ad essa applicabili.

La storia del Floating-REST (terapia di stimolazione ambientale ridotta) risale agli anni '50 quando Drs. Jay Shurley e John Lilly del National Institute of Mental Health si interessarono a capire come il cervello umano avrebbe risposto a un ambiente privo di input sensoriali esterni.

L'ambiente proprio in cui si viene a realizzare l’esperienza del floating (galleggiamento, deprivazione sensoriale ecc.)  minimizza sistematicamente l'input sensoriale esterno al sistema nervoso, inclusi i segnali provenienti dai canali visivi, uditivi, olfattivi, gustativi, termici, tattili, vestibolari, gravitazionali e propriocettivi. Fin dalla sua scoperta e a molti studi al riguardo sono state fatte numerose pubblicazioni scientifiche che esplorano i potenziali benefici terapeutici del Floating.

8 ragioni per praticare Floating

8 ragioni per praticare Floating

Spesso ci viene chiesto a cosa serve; così elenchiamo di seguito alcune delle principali ragioni per le quali sempre più persone lo scelgono di praticare il floating nelle vasche di deprivazione sensoriale: in particolare ne riportiamo 8 anche se ognuno ne potrà trovare sicuramente altre 100 comunque sempre molto valide

…e quale fra queste invece spinge te a praticare Floating?

La potente Meditazione Cinese della Illuminazione Silenziosa e Floating: come andare oltre...

La potente Meditazione Cinese della Illuminazione Silenziosa e Floating: come andare oltre...

Da quando ho iniziato il percorso che ha portato alla nascita di Floating Flo è cambiato il modo in cui guardo al significato della mia vita, al rapporto con gli altri e a come posso aiutare il prossimo a vivere in armonia con se stesso, gli altri e l’ambiente che lo circonda.

Poiché il mio avvicinamento al mondo del Floating ha seguito un approccio medico psicologico (razionale) piuttosto che spirituale ed olistico, mi sono sempre chiesto cosa volesse dire meditare, cosa fosse l’illuminazione, come la si potesse raggiungere e come questo avesse a che fare con gli stati di allargamento di coscienza (psichedelici) generati dalla pratica del floating. In particolare era per me interessante capire come il “meditare” potesse essere messo in relazione con le nostre onde cerebrali, con la sensazione di unicità (oneness) e completezza con l’infinito propria dei vari stadi o stati che si attraversano durante la pratica, indipendentemente dal fatto che si segua una particolare filosofia, insegnamento, scuola o che questi si manifestino spontaneamente.

COS’È LO STRESS

COS’È LO STRESS

Lo stress è la risposta fisica e mentale del nostro organismo ad una richiesta prestazionale quando questa richiesta non si può soddisfare con le risorse fisiche, cognitive e mentali disponibili. 

Lo stress non è per forza dannoso anzi, la sua presenza è necessaria per stimolare il cambiamento ed adeguare il nostro corpo e la nostra mente a sostenere la richiesta prestazionale: ad esempio si costruisce così la muscolatura. Una volta evidenziata la richiesta e l’inadeguatezza a darvi una risposta, il nostro corpo stimola il cambiamento attraverso la secrezione di Cortisolo e Adrenalina che a loro volta stimolano a cascata altre risposte in tutto il nostro organismo. Una volta evidenziata la richiesta e l’inadeguatezza a darvi una risposta, il nostro corpo stimola il cambiamento attraverso la secrezione di Cortisolo e Adrenalina che a loro volta stimolano a cascata altre risposte in tutto il nostro essere.

Un'esperienza Mistica

Un'esperienza Mistica

Troviamo sempre molte difficoltà nel descrivere in modi comprensibili a tutti l’esperienza derivante dal praticare il Floating.

Molti dei nostri clienti definiscono il Floating come un'esperienza Mistica, ovvero un'esperienza di vita interiore che porta il soggetto verso un’intima unione con una realtà superiore della quale è parte. Una realtà diversa, assoluta, fuori delle forme ordinarie di conoscenza e di esperienza che può essere vissuta come stati ci coscienza allargati (psichedelici) e raggiunta mediante la trance profonda. Tutto questo per riconnetterci al nostro io divino e infinito semplicemente lasciandoci andare ad un caldo abbraccio all’interno del Floating Pod così si chiama la vasca di galleggiamento in cui si rimane in media dai 60 min ai 90 min.

La NeuroPlasticità Auto-Diretta: Come cambiare il funzionamento del vostro cervello in modo consapevole

La NeuroPlasticità Auto-Diretta: Come cambiare il funzionamento del vostro cervello in modo consapevole

La Neuroplasticità auto-diretta è un concetto derivato dal ricercatore Dr. Jeffrey M. Schwartz nel suo libro, "la mente e il cervello" (neuroplasticità e il potere della forza mentale). Nel libro, egli dimostra in modo convincente che non si è alla mercé dell'attività geneticamente predeterminata del cervello. La sua ricerca suggerisce che la nostra “volontà” gioca un ruolo attivo nell'influenzare la funzione cerebrale, decidendo dove concentrare la nostra “attenzione”.

All'interno del libro egli approfondisce anche il concetto di "meccanica quantistica” -un campo di studio con controversie significative- e sostiene che il concetto di "mente" non coincide col concetto di “cervello”, insomma non sono la stessa cosa. Indipendentemente dai principi quantistici delineati nel libro, l’autore è stato in grado di dimostrare che le persone sono in grado di cambiare consapevolmente il funzionamento del loro cervello con una corretta attenzione ed un adeguato sforzo. Il Dr. Schwartz ha anche scansioni cerebrali che dimostrano l'efficacia della neuroplasticità auto-diretta e che mostrano come persone che soffrono di OCD (Disordini Ossessivo Compulsivi), Ansia, Depressione, vittime di ictus, oppure individui che non soffrono di tali patologie come musicisti, e molti altri, una volta messi nel “giusto contesto” hanno usato questo concetto per cambiare il loro cervello migliorando le loro facoltà.

PHD Dott. J. Feinstein: FLOATING contro ANSIA, Panico e DEPRESSIONE

PHD Dott. J. Feinstein: FLOATING contro ANSIA, Panico e DEPRESSIONE

Recenti studi dimostrano come l’utilizzo del Floating e del REST (Reduced Environmental Stimulation Therapy) siano molto efficaci nel lenire Disordini da Ansia come ansia generalizzata, attacchi di Panico, Stress Post Traumatico, agorafobia, e i conseguenti stati depressivi ad essi associati.

...cosa mi devo aspettare?

...cosa mi devo aspettare?

Una semplice ed onesta domanda e risposta da un neofita del Floating a Floating Flo :

“Salve Floating Flo. Sono veramente interessato al floating ma sono anche un po’ intimidito nel provarlo perché non so cosa aspettarmi”

Floating Flo risponde.

“Non avere aspettative è sempre l’attitudine più giusta quando stiamo per fare floating, questo permette un approccio che lascia alla nostra mente la possibilità di spaziare in ogni direzione senza influenzarla in alcun modo. 

E questo se ci pensi è anche molto comprensibile; Cosa si prova a sperimentare un ambiente che non esiste in nessun altro posto sulla terra?  

Afterglow... perché è importante godersi le endorfine dopo il floating!

Gli anglosassoni lo chiamano "afterglow": cioè la sensazione di benessere profondo, rilascio, leggerezza, beatitudine ed estasi, che si prova dopo un orgasmo intenso. E' l'effetto delle enforfine che si sono liberate nel cervello durante la sessione di Floating. Sono veramente in quantità elevate così come le sensazioni che si provano quando dopo la sessione ci prendiamo un pò di tempo di raccogliemento per tronare gradualemtne a controllare l'ambiente che in cui siamo immersi. Questa fase è assolutamente fondamentale, perchè la sessione non si può considerare conclusa semplicemente alla fine del tempo trascorso all'interno della vasca di floating.

Non è infatti consigliabile ritornare "out there" -la fuori- al bombardamento di super-stimolazioni sensoriali a cui siamo sottoposti ogni giorno, dopo essere stati per molto tempo in calma assoluta, in un luogo dove non fa ne freddo ne caldo, dove non si vede assolutamente nulla perchè si è al buio, ma ci rendiamo conto che questo buio tando nero non è... in un'omeostasi sensoriale totale e profondissima, dove ci fanno compagnia solo il suono del battito del nostro cuore e del nostro respiro,

Non è necessario molto tempo dopo un sessione di deprivazione sensoriale: noi consigliamo un minimo di 20 minuti in area relax. L'unica raccomandazione che ti diamo è che tutto deve esser fatto con calma, senza alcuna fretta, nessuna necessità di accelerare le fasi, tutto avviene ed avverrà come deve avvenire: all'inteno del floating pod semplicemente "let go" -lasciati andare-, dimentica tutto il resto e dopo ritrovati a godere l'afterglow nella nostra "mini jungle". 

E' veramente illuminante comparare le facce delle persone al loro arrivo nella nostra struttura Floating Flo con quando, dopo aver effettuato la sessione nelle nostre vasche di floating serie Theta, le ritroviamo a godersi le endorfine dell'afterglow nella nostra area relax in un'espressione estatica. A qualcno suggeriamo perfino di farsi un selfy prima ed uno dopo... la miglior prova di quanto bene si sono voluti facendo floating.

Take your time -prenditi il tuo tempo- e let go -lasciati andare-...

Floating Pod per Atleti

Floating Pod per Atleti

MMA? Karate? Running? Trial? Cross-Fit? Cicling? Rugby? Basket? Calcio? Volley? Tennis? Golf?

...Qualunque sia il tuo sport, il floating è il segreto per migliorare costantemente le tue prestazioni, curare e prevenire infortuni e ridurre l’affaticamento degli allenamenti. 

  • L’essere liberi dalla gravità crea un'aumento dell'ossigenazione dei tessuti ideale per accelerare il recupero da infortuni, e i 525 kg di sale di Epsom (Solfato di Magnesio) poi non guastano sicuramente per fare una scorta del Magnesio così tanto necessario per la tua attività fisica e mentale. 

Floating e Massaggio in Gravidanza

Floating e Massaggio in Gravidanza

Elisa Sergi, provetta "flonauta" è venuta a trovarci a Floating Flo ed ha provato il massaggio in gravidanza: lei è molto prossima all'evento e si è fatta questa coccola speciale per prepararsi al meglio al parto. 

L'unione di Floating e massaggio in gravidanza permettono di rilassare la muscolatura scaricando le tensioni accumulate, alleggerisce il carico sulla colonna vertebrale, migliora la circolazione sanguigna aumentando l'ossigenazione dei tessuti ed il drenaggio linfatico diminuendo il gonfiore specialmente degli arti inferiori. Il floating ed il massaggio stimolano la secrezione di serotonina, dopamina ed endorfine, riportando a livelli normali gli ormoni dello stress quali adrenalina e cortisolo. Questo conduce al ripristino di un corretto ritmo sonno veglia ed al miglioramento della qualità del sonno e della facilità di riaddormentarsi se destati.

Autoguarigione: Istruzioni per l'uso

Autoguarigione: Istruzioni per l'uso

In questo post esploreremo la meta-riprogrammazione dell'attività mentale ovvero programmazione mirata ad ripristinare, innescare e rafforzare i processi di autoguarigione e rigenerazione che il nostro corpo, una volta messo nelle corrette condizioni, è perfettamente in grado di realizzare ma che invece non è in grado di attuare se è messo in confusione da stati di stress elevato, in special modo quando questi sono mantenuti per lunghi periodi.