NON si può essere claustrofobici nella vasca di galleggiamento e L'uomo nel Vetro

Credits to: Float House

Dopo aver facilitato oltre 26.000 galleggiamenti ... La dura verità che ho imparato circa le vasche di galleggiamento 

Una delle cose più importanti che ho compreso all’interno della vasca di galleggiamento è che il Floating è tutta una questione che ruota attorno all’individuo e quindi molto soggettiva. Tutti abbiamo sentito la frase “solo i noiosi si annoiano”, questo è ancor più vero riguardo al tempo che spendiamo nel nulla. La vasca di floating è di per se un oggetto inanimato: a quell’ambiente buio non importa certo quanto sia stata dura la tua settimana lavorativa; i 520 chilogrammi di sale di Epsom restano completamene indifferenti riguardo a quello che la tua amata/capo/amico/collega di lavoro dicono o non dicono; e quando chiudi il coperchio, la vasca non è sorpresa di come sia riuscita a catturare l’ennesima persona autoproclamatasi claustrofobica.       

Dopo aver facilitato oltre 26.000 floating, posso affermare con sicurezza che quasi tutte (99,5%) le persone che pensano di essere claustrofobiche, praticamente non hanno alcun problema all’interno della vasca. In essa non si ha bene la percezione dello spazio! Potresti essere ovunque mentre galleggi.                                                   

Ciò che accade e si prova nella vasca di Floating è semplicemente un riflesso di SE stessi. E’ equivalente all'idea del "se riflesso nello specchio" che il sociologo Charles Cooley afferma essere come “costruire l’immagine di noi stessi, correlandola direttamente con la nostra autostima.

La verità di tutta la faccenda è che alla fine all'interno della vasca di floating “io sono libera”. L'ambiente non fluttua molto perché niente si muove o si percepisce all’interno della vasca di floating (è progettato appositamente per questo): se ci presti attenzione percepisci solo il tuo diaframma che sale e scende mentre respiri. Ovviamente un evento inaspettato può accadere perché completamente fuori dal tuo controllo: ad esempio le fascicolazioni, cioè quegli involontari movimenti a scatti degli arti tipici della prima fase del sono. Oppure come accaduto circa tre mesi dall’opertura del nostro primo centro, causa rottura di un tubo dell’acqua nel palazzo confinante, il gestore dell'immobile ha dato l’incarico ad una ditta di riparazioni di ripristinare il tubo, senza informarci. Inutile dire che la stridula strillata del trapano ha riverberato attraverso una parte del centro ed è stata udibile all’interno di due delle 4 vasche di Floating, e i due occupanti si sono lamentati

SMETTI di disperdere la tua energia per cose che sono fuori dal tuo controllo.

Ecco la parte che può mettere a disagio molti di noi: il - DIPENDE DA ME-. Quelle tre parole, in un primo momento, possono sembrare intimidatorie, ma in realtà sono completamente liberatorie. Se succede qualcosa che è completamente fuori dal mio controllo: forse una goccia che scivola giù lungo il mio viso o il sentire un minimo suono che in condizioni normali nel mondo esterno non avrei mai notato; allora la vera questione è: come io reagisca a tutto ciò? Lascio che l'aspetto "imperfetto" del mio galleggiare rovini il resto della mia esperienza? Oppure, osservo la sensazione, mi sento pienamente in essa, e poi la lascio andare?

A mio parere, questa è una delle lezioni più grandi che si possa apprendere in una vasca di galleggiamento. Sì, il Floating è fantastico per il corpo, e il sollievo dallo stress che si ottiene da 60 o 90 minuti di galleggiamento in quella calda, setosa oscurità è ineguagliabile. Ma la possibilità “dell’osservazione di se stessi” indotta dalla vasca di Floating è probabilmente l'elemento più importante e che ancora mancava nella mia vita. Mi ha permesso di trovare lo spazio ed il tempo per riflettere; Sono davvero completamente onesta con me stesso? Nel mio profondo io so quale posto occupo e come sto venendo fuori nella mia vita, ma tutto quello di cui avevo bisogno era il silenzio e il buio per sentirlo e vederlo.

Non sto scrivendo questo per scaricare Floating Flo o qualsiasi altro centro floating dall’impegno di spiegare come approcciare la sessione di floating, specialmente le prime volete che una persona si avvicina a questa incredibile esperienza. Ogni centro di Galleggiamento dovrebbe fare i propri migliori sforzi per garantire la massima qualità possibile di ogni singolo Floating, per ogni singolo ospite, che sia e abbastanza aperto per prendere il floating come pratica ricorrente. Sto scrivendo questo soprattutto per ricordarmi che sono innanzitutto io la prima persona responsabile della mia esperienza.

Posso scegliere il modo in cui reagirò. Credo che il modo in cui agisca e reagisca in una vasca di Floating è molto, molto indicativo di come agisco e reagisco in ogni altro aspetto della mia vita. Che bel regalo no?

Vi lascerò con questa poesia che mi è rimasta con me fin dall'età di 19 anni, quando ero un giocatore di calcio al college, e il nostro allenatore proiettò questa poesia durante un nostra riunione durante gli allenamenti:

L'UOMO NEL VETRO
Quando raggiungi quello che vuoi nella tua lotta per te stesso E il mondo ti fa re per un giorno, Basta che tu vada allo specchio a osservare te stesso E vedere quello che l'uomo che vedi riflesso ha da dire.
Per questo non è il giudizio di tuo padre, madre o moglie su di te Che deve passare; Il compagno il cui verdetto conta più nella tua vita è quello che ti fissa dal dentro il vetro.
Alcune persone potrebbero pensare che tu sia una persona onesta diretta e sincera e ti chiameranno ragazzo meraviglioso, ma l'uomo nel vetro dice che sei solo un barbone Se non puoi guardarlo dritto negli occhi.
Lui è il compagno da compiacere, non ti preoccupare di tutto il resto, Perché lui è con te fino alla fine. E avrai superato la tua prova più pericolosa e difficile se l'uomo nel vetro è tuo amico.
Puoi ingannare il mondo intero lungo il sentiero della vita E avere pacche sulla spalla mentre passerai. Ma la tua ricompensa finale sarà dolori e lacrime Se avrai ingannato l'uomo nel vetro.
                                                    Peter "Dale" Wimbrow Sr.
 

Floating per Golfisti: come migliorare il tuo handicap di 3-4 colpi

Che esperienza! Ci vuole un po 'di tempo per abituarsi al fatto che il corpo fluttui senza percepire il proprio peso e credo che la parte più difficile dell'intera esperienza sia  quella di cercare di liberare la mente da qualsiasi pensiero. Quanto spesso abbiamo l'opportunità di prenderci un po di tempo solo per noi stessi e concentrarsi sul niente? Per me, questo è molto raro (come sono sicuro lo sia per molti di voi). Una volta che ho potuto concentrarmi semplicemente sul mio respiro, in effetti mi sentivo come se il mio corpo fosse "scomparso" ed avevo la sensazione come di addormentarmi, un dormiveglia piacevolissimo dive la mia mente è comunque rimasta attiva. Quando i 90 minuti sono finiti e sono uscito dalla vasca di Floating, mi sono sentito totalmente rilassato, rigenerato e ricaricato. Mi sentivo come se un grosso peso fosse stato sollevato e tolto dalle spalle e mi sentivo carico e pronto ad affrontare "il mondo".

Come il Floating seriazioni con il Golf è presto detto. Il golf è un gioco mentale. Sì, ok, devi avere un ottimo (gli inglesi lo definiscono "Sound") e ripetibile swing per avere successo in questo sport. Tuttavia quello sorprende che la maggior parte delle persone è il fatto che la mente ha molto, molto più a che fare con quanto bene o quanto male si gioca. Non importa quanto perfetto sia il tuo swing: se non puoi concentrarvi sul compito che devi eseguire e controllare i tuoi pensieri, non sarai mai in grado di migliorare il tuo gioco portandolo al livello successivo. Dopo la mia esperienza a FloatingFlo, posso constatare come la terapia del Galleggiamento (Floating o deprivazione sensoriale) possa veramente insegnare a liberare la mente mettendoti in no stato di meditazione profonda. Quante volte ti è successo di esser stato fuori sul campo da golf portandoti dietro oltre alla sacca con le mazze anche quella di pensieri e preoccupazioni (un brutto giorno al lavoro, i figli che reclamano la tua attenzione un diverbio con il partner, ecc.)? Se puoi imparare a cancellare la tua mente, svuotandola completamente e concentrarti semplicemente sul compito che devi eseguire mettendo quella dannata palla in buca, allora ti assicuro che avrai più successo nel campo da golf.

Nel 2000 a Tucson, Arizona, è stato condotto uno studiodove 25 golfisti professionisti hanno praticato un totale di 10 ore di deprivazione sensoriale ciascuno. Tre quarti di essi hanno migliorato i loro punteggi di una media di 2 COLPI dopo appena una sessione di Floating da 90 min. Per verificare l'attendibilità dei risultati è stato preso un analogo campione di altri 25 golfisti professionisti ai quali NON è stato fatto fare floating. Ebbene questi non hanno migliorato i loro punteggi. Il risultato più impressionante è stato quello raggiunto da un golfista professionista di Tucson che è migliorato di una media di 4 COLPI dopo un solo trattamento e tale miglioramento si è mantenuto per un mese.

Io non ho migliorato di 4 colpi ma di solo 2 il mio handicap e vi posso assicurare che il mio gioco è più costante e mi stanco anche molto meno. Provare per credere.

Grazie Floating Flo,

John Starwood

 

Dipendenza da Smartphone e Social Media? Qualche suggerimento per liberartene

Credits to Andrea Giuliodori ed Efficacemente

Floating Flo è impegnata ogni giorno nell'insegnare alle persone a combattere le dipendenze. Una fra tutte, che alla luce del nuovo Codice della Strada può arrecarci diversi problemi (quali ritiro della patente, multe salatissime) è il Controllare Ossessivamente il Nostro Smartphone, quando siamo in auto, a letto, al ristorante, o in ogni momento in cui crediamo di non aver di meglio da fare. Un'abitudine, una cattiva abitudine, che si evolve in un vero e proprio un comportamento ossessivo compulsivo dipendente da cui possiamo liberarci applicando quelle strategie utili per modificare le nostre routine comportamentali. Strategie che comunque possono essere applicate con successo a molte altre dipendenze come il fumo, l'alcool, le droghe ecc.

...come si cambia

...come si cambia

Abbiamo già parlato in post passati di come si generano le dipendenze e di come sia possibile liberarcene stimolando la nostra curiosità e la sete di novità insite nel nostro istinto di conservazione. Potete cliccare sui link riportati in fondo a questo post per scoprire di più sull'argomento e di come il Floating, e la meditazione che possiamo praticare durante la deprivazione sensoriale mentre stiamo galleggiando della vasca di Floating possano essere risolutivi.

Andiamo al sodo:

Ogni abitudine è composta da 3 elementi essenziali: il SEGNALE, la ROUTINE e la GRATIFICAZIONE (secrezione di dopamina).

Per sbarazzarci di una cattiva abitudine e sostituirla con una migliore dobbiamo quindi analizzare e agire su ognuno di questi 3 elementi:

SEGNALE: in questo caso il segnale è abbastanza semplice, l'abitudine è innescata dall'orario e dal luogo (ad esempio prima di andare a dormire - il quando - nella tua camera da letto - il dove).

ROUTINE: anche la routine è piuttosto semplice da individuare; pigiamo le icone dei nostri social preferiti e ci perdiamo per ore nei feed infiniti (l'infinite scrolling è una funzione ormai adottata da quasi tutti i social ed è nota la sua capacità di creare dipendenza).

GRATIFICAZIONE: cos'è che ci gratifica tanto del controllare i nostri smartphone? Fondamentalmente soddisfiamo due bisogni umani basilari.

a) Il BISOGNO DI SICUREZZA: sfregare un oggetto su cui abbiamo il pieno controllo e farlo in un ambiente familiare è un modo per abbassare il livello di stress della giornata appena trascorsa. (o ad esempio avere una sigaretta fra le dita anche).

b) Il BISOGNO DI NOVITA': pigiare su tutte quelle belle nuove notifichine e scrollare il feed all'infinito alla ricerca di qualche golosa novità ci dà una gratificazione instantanea perchè siamo istintivamente curiosi e quando scopriamo qualcosa di nuovo questo ci appaga (dopamina).

Ora che conosciamo meglio il nostro "nemico", possiamo sconfiggerlo lavorando sui 3 elementi.

Segnale: il segnale rimane lo stesso, in pratica dobbiamo trovare un'abitudine migliore da fare quando siamo in camera, prima di andare a dormire.

Routine: qui le possibilità di intervento sono parecchie. Ti do giusto qualche spunto: (a) per esempio metti il tuo smartphone in carica in un'altra stanza; (b) elimina le app dal tuo smartphone e consulta i social solo quando sei al computer; (c) usa app come Freedom che limitano l'utilizzo di determinate app in orari che puoi stabilire.

Gratificazione: questo è l'elemento più importante su cui dobbiamo agire per sbarazzarci definitivamente di questa cattiva abitudine. Solo trovando un'attività sostituiva che soddisfi altrettanto bene i bisogni di cui ti ho parlato poco fa, riusciremo a sbarazzarci dello smartphone a letto.

L'ATTIVITA' SOSTITUTIVA ideale deve avere un CARICO COGNITIVO MOLTO BASSO, ma al contempo deve SODDISFARE anche il nostro BISOGNO DI NOVITA' (La curiosità appaga).

Ecco alcuni spunti:

- leggi un romanzo leggero e coinvolgente

- Impegnati in un hobby manuale (no maschietti, non quello...).

- Ascolta della musica (rischioso se lo fai da YouTube).

- Medita, e se non sei un esperto e vuoi farlo con profitto pratica il Floating per imparare a farlo. Una volta imparato a farlo Meditare è un'attività che può essere praticata in qualsiasi momento e luogo.

Provate e fateci sapere e intanto se volete trovare qualcosa di meglio per appagare la vostra sete istintiva di curiosità e ricerca: www.floatingflo.it

A presto e ...keep Floating!

 

Solfeggio armonico, Canto Gregoriano e LA 432 Hz: l'armonia di Floating Flo

Credits to: Dr Matthew Starwood. 

In questo post vi spieghiamo perché nei centri Floating Flo utilizziamo le frequenze del solfeggio armonico, il Canto Gregoriano e la frequenza a 432 Hz conosciuta anche come la “frequenza dell’armonia universale”. Tutto qui da noi è studiato per riportare armonia dentro di te: dalla musica che ascolti da quando entri nel nostro mondo alle forme dell'architettura del centro e a quelle delle vasche in cui vivrei le tue esperienze più belle.

432 Hz

Secondo Ananda Bosman, ricercatore e musicista internazionale, gli strumenti arcaici egiziani che sono stati scoperti sono in gran parte sintonizzati a LA = 432Hz. I greci antichi sintonizzavano i loro strumenti prevalentemente a 432Hz. All'interno degli arcaici Misteri Eleuseni Greci, Orfeo è il dio della musica, della morte e della rinascita, ed è stato il custode dell'ambrosia e della musica della trasformazione. I suoi strumenti sono stati sintonizzati a 432Hz. Orfeo che suona in armonia con la natura.

Guiseppe Verdi ha posto il LA esattamente a 432 Hz. Lo ha fatto perché questa sintonizzazione è ideale per le voci d'opera. Jamie Buturff, ricercatore del suono, ha scoperto che alcuni monaci tibetani hanno usato questa sintonizzazione nei loro strumenti fatti a mano (campane). Per scoprirlo ha analizzato con un sintonizzatore Korg i suoni emessi dalle campane tibetane verificando che le campane erano tutte armoniche (accordate) alla scala musicale con LA a 432 Hz.

Questa sintonia musicale può essere trovata in varie religioni e culture del mondo antico. Sembra che il suo utilizzo negli strumenti musicali sia sempre stato considerato come la miglior scelta possibile. Ancora oggi, molti musicisti riportano effetti positivi riconducibili ai 432 Hz, come ad esempio una migliore risposta del pubblico e una sensazione più rilassata alle loro prestazioni interpretative.

 

Adattarsi al battito cardiaco del nostro pianeta…

Per capire il potere curativo dietro il LA 432 Hz, devi prima conoscere un'altra frequenza, 8 Hz. Si dice che 8Hz sia il "battito" fondamentale del nostro pianeta, è meglio conosciuto come la risonanza di Schumann in ricordo del fisico Winfried Otto Schumann, che lo ha documentato matematicamente nel 1952.

La risonanza di Schumann è una risonanza elettromagnetica globale che ha origine dal ritmocon cui sono generate le scariche elettriche dei fulmini all'interno della cavità esistente tra la superficie terrestre e la ionosfera. Questa cavità risuona con onde elettromagnetiche a frequenze estremamente basse di circa 7,86 - 8 Hz.

 

Onde Celebrali, la trance, la meditazione e le onde Theta.

La frequenza a 8 Hz è la frequenza più alta dello “Stato Theta” (4-8 Hz), esattamente lo stato in cui si viene a trovare il nostro cervello quando, durante la sessione di Floating in seguito alla deprivazione sensoriale, rallenta e si posiziona su questo intervallo di frequenze. Anche la meditazione ha come obiettivo il raggiungimento dello stato Theta. 

Le onde di pensiero "ordinarie" create dal cervello umano variano da 14 Hz a 60 Hz (Gamma, Beta, Alpha). Questa gamma di frequenze comprende l'attivazione di alcuni tipi di dendriti appartenenti alle cellule cerebrali, prevalentemente nell'emisfero sinistro (più razionale) del cervello, che è il centro dell’attività. Se però i due emisferi del nostro cervello sono sincronizzati l'uno all'altro a 8 Hz, lavorano in modo più armonioso e con il massimo flusso di informazioni. In altre parole, la frequenza di 8Hz sembra essere la chiave del potenziale di attivazione piena e massima del nostro cervello.

8 Hz è anche la frequenza dell'elica doppia nella replicazione del DNA. Melatonina e Pinoline lavorano sul DNA, inducendo un segnale a 8 Hz per consentire la mitosi e la replicazione del DNA. In questo processo è evidente una forma di superconduttività a temperatura corporea… ma questa è un’altra storia che comunque potete sempre approfondire da soli.

 

432 Hz risuona in simpatia con la frequenza a 8Hz

Se prendiamo 8 Hz come punto di partenza e lavoriamo in alto per cinque ottave (cioè con le sette note della scala cinque volte), raggiungiamo una frequenza di DO 256 Hz nella cui scala la nota LA ha una frequenza di 432 Hz.

Secondo il principio armonico con cui ogni suono prodotto risuona automaticamente tutti gli altri multipli di quella frequenza, quando suoniamo il DO 256 Hz, anche DO di tutte le altre ottave inizia a vibrare in "simpatia" e naturalmente, sempre per simpatia risuona anche la frequenza di 8Hz. Ecco perché offriamo ai nostri clienti l’opportunità di farsi accompagnare durante la fase iniziale della sessione di Floating da pezzi musicali accordati sul LA 432 Hz: in questo modo facilitiamo il loro ingresso nella trance dello stato Theta obiettivo per l’attivazione armonica della totalità del cervello e la possibilità di una sintonizzazione con tutti gli altri esseri viventi.

 

Canto gregoriano e l’origine della scala del solfeggio armonico.

Le frequenze del Solfeggio Armonico risalgono ai 6 toni della scala utilizzata per la musica sacra incluso il magnifico e ben conosciuto “Canto Gregoriano”.

I Canti e gli speciali toni utilizzati erano ritenuti fornire una benedizione spirituale su chi li cantava in armonia. Ogni tono di Solfeggio è composto da una frequenza necessaria per bilanciare l'energia e mantenere il corpo, la mente e lo spirito in perfetta armonia.

Secondo il professor Willi Apel, l'origine dell'antica scala di Solfeggio può essere ricondotta a un inno medievale a Giovanni Battista scritto da un monaco Benedettino di nome Guido d’Arezzo (991 -1050). L'inno ha la peculiarità che le prime sei righe del canto iniziarono rispettivamente sulle prime sei note successive della scala, e quindi la prima sillaba di ogni riga è stata cantata a una nota un grado superiore a quella della prima sillaba della linea che la precedeva. Poiché la musica ha mantenuto la risonanza matematica, le frequenze originali quando risuonate nella cassa toracica, erano capaci di ispirare l’essere umano ad essere più “divino" e/o a riconnettersi con esso: noi siamo “divini”. E’ una questione di efficacia il fatto che il Gregoriano fosse cantato e non strumentato.

 

Ut queant laxis                  Affinché possano cantare

resonare fibris                   con voci libere    

Mira gestorum                   le meraviglie delle tue gesta

famuli tuorum,                   i servi Tuoi,

Solve polluti                      cancella il peccato

labii reatum,                      dal loro labbro impuro,

Sancte Iohannes.               o San Giovanni

 

E' anche facile riconoscere come le note musicali (Do, Re, Mi, Fa, Sol, La, Si) si originano proprio da qui dopo che anche l'Ut è stato modificato in Do.

Anche nel Buddismo (Nam Myoho Renge Kyo) e nello Sciamanesimo (canti sacri dei nativi d’america) così come in altre religioni esiste una peculiare “ritmica” frequenza durante la recitazione delle preghiere che mette in risonanza l’intero corpo che, così come avviene nel Canto Gregoriano, genera uno stato di benessere e connessione particolare. Anche in questi si possono ritrovare alcune delle frequenze del solfeggio armonico. Come se l’essere umano fosse accordato su una scala musicale divina.

Ognuna delle 6 frequenze del solfeggio Armonico ha delle straordinarie proprietà

396 Hz - liberare da colpa e paura

417 Hz - Annullamento delle situazioni, sblocco e facilitazione del cambiamento

528 Hz - Trasformazione e Miracoli (riparazione del DNA)

639 Hz - Collegamento / Relazioni

741 Hz - Espressioni / Soluzioni

852 Hz - Ritorno all'Ordine Spirituale

Ricucendo con il metodo pitagorico (396 Hz = 3+9+6= 9; 417 Hz = 4+1+7= 3 528 Hz = 5+2+8= 6;  e così via) le frequenze si ritrova sempre la successione 3, 6, 9.

Anche Nikola Tesla scriveva “Se solo sapessi la magnificenza dei 3, 6 e 9, allora avresti una chiave per l'universo". 

Nastri Haramein dimostra come anche i numeri della successione che definisce la sezione Aurea di Fibonacci siano anch'essi riconducibili a 3, 6, 9 . A proposito, le vasche della serie Theta in cui galleggiate quando siete qui al Floating Flo sono disegnate mantenendo tutte le proporzioni in rapporto 1,61803... la sezione aurea appunto.

I 3, 6 e 9 sono infatti le radici delle frequenze di Solfeggio e anche la frequenza a 432 Hz si riconduce ad una delle 3 radice: il 9.

 

Portante e connessione

Abbiamo anticipato prima come la trance dello stato Theta (8 Hz) obiettivo per l’attivazione armonica della totalità del cervello offra anche  la possibilità di una sintonizzazione con tutti gli altri esseri viventi. Nello specifico dobbiamo immaginarci come se la frequenza di Schumann costituisca una sorta di onda portante che risuona in tutta l'intercapedine fra la superficie terrestre e la ionosfera, alla quale agganciarci per trasferire il nostro pensiero. Un po come un radioamatore riesca a comunicare e a ritrasmettere la propria voce su tutta la terra. Pensateci... e vi potreste spiegare parecchie cose che la scienza non riesce a spiegarsi... per ora!

"Allora perché tutti non riusciamo a farlo correntemente e volontariamente?" Questo non è del tutto esatto perché qualcuno ci riesce sia volontariamente che correntemente, ma il perché tutti gli altri non ci riescano, soprattutto in modo volontario, è semplicemente dovuto al fatto che per riuscirci dobbiamo raggiungere questo stato di trance e rimanervi per il tempo necessario che purtroppo va ben oltre i 2-3 minuti raggiunti ad chi pratica la meditazione. Chi pratica Floating regolarmente acuisce questa capacità che spesso viene scambiata come semplice percezione di armonia ma che in realtà è molto, molto di più. Tutto questo è possibile in virtù del fatto che quando si galleggia nella vasca di floating in completa deprivazione sensoriale permaniamo nello stato Theta per decine di minuti consecutivi e senza interruzione, senza essere disturbati da interferenze elettromagnetiche (i nostri centri sono infatti schermati), senza stimolazioni sensoriali continue o altri disturbi a cui il nostro corpo e la nostra mente sono sempre più tragicamente e massicciamente sottoposti.

In generale, senza scomodare la meccanica quantistica che ultimamente va sempre più di moda nel cercare di descrivere in un linguaggio fisico i cambiamenti che avvengono nel nostro cervello, rimaniamo comunque tutti interconnessi in modo "incosciente" e quei 5 minuti (comunque spezzettai in vari intervalli) in cui il nostro cervello permane nello stato Theta ogni ora servono anche a questo: un'accesso alla rete globale, un'armonizzazione del nostro essere col il resto dei nostri simili e tutto il creato. Galleggiare per credere!

Matthew 

  

5 cose che puoi migliorare e superare con il floating

Non importa chi tu sia, il Floating può sempre farti sentire meglio. Per alcuni, la “floatation therapy” costituisce “l’assoluto“ per quanto riguarda il rilassamento e il recupero. Per altri il floating è un modo per stimolare creatività e visualizzazione.

Per tutti, comunque, il floating offre un sempre un gradito riposo dal logorio della vita di tutti i giorni. E’ stato scientificamente provato come laFloatation therapy abbia profondi impatti positivi sulla salute e sul benessere.  Di seguito puoi trovare solo alcuni dei tantissimi modi con i quali il galleggiamento e la deprivazione sensoriale giovino in modo profondo alla tua mente ed al tuo corpo.

Benefici Floating e Deprivazione Sensoriale

La Floatation Therapy aiuta a trattare lo Stress, l’ansia e l’insonnia.

Stress e Ansia: La vita moderna con i suoi ritmi sempre più incalzanti può essere travolgente, portando verso stati prolungati di stress e ansia. E lo stress ha tutta una serie di collegamenti diretti con tante malattie croniche come pressione sanguigna alta, malattie cardiache, disordini autoimmuni e diabete. La terapia del galleggiamento (Floatation Therapy), anche conosciuta sotto il nome di deprivazione sensoriale, è stata provata essere un eccellente strumento per il controllo dello stress fornendo anche un’opportunità più unica che rara di “liberarsene completamente”!

Niente smartphone, appuntamenti o scadenze, niente impegni da mantenere, niente traffico - NO STRESS!

Cortisolo, l’ormone associato al “lotta o fuggi”, pervade il corpo durante i periodi di stress. La soluzione di Sale di Epsom all’interno delle vasche di Floating aiuta a rifornire il nostro corpo con l’apporto di Magnesio, riducendo il livello di cortisone nel sangue e mitigando se non annullando i sintomi dello stress.

Insonnia: Come tu puoi aver intuito, una della cause più comuni dell’insonnia è lo stress. Il rilassamento profondo raggiunto nell’isolamento di una vasca di floating permette al nostro sistema nervoso ti riposare e fare un re-set ovvero di ripristinare il regolare funzionamento, predisponendoci a un miglior riposo. Le onde Theta con le quali il tuo cervello funzionerà per lungo tempo quando sei all’interno della vasca di galleggiamento, sono fondamentali durante la fase di addormentamento per assicurare la transizione verso le onde delta proprie del sonno. Chi soffre d’insonnia non sa più gestire questo passaggio perché non è più abituato ad utilizzare (inconsciamente) queste particolari frequenze celebrali. Praticando Floating e permanendo in Theta per lungo tempo il cervello re impara a fare questa transizione e progressivamente si esce dalla spirale dell’insonnia. 

Sai qual’è la parte migliore? Più pratici il floating più ne benefici e più profondi e positivi sono gli effetti su di te.

La Floating Therapy Aiuta ad Abbassare la Pressione Sanguigna, il Recupero da Allenamento e a trattare il dolore.

Pressione Sanguigna: Senza l’effetto della gravità e della tonicità muscolare i vasi sanguigni non sono più compressi e schiacciati ed hanno modo di dilatarsi. Questo istantaneamente comporta una riduzione della pressione ed aumenta l’irrorazione sanguigna e l’ossigenazione dei tessuti in tutto il corpo. 

Il Sale di Epsom aiuta il tuo corpo a fare un pieno di Magnesio: un elemento cruciale per ridurre la pressione sanguigna e mantenere elastici i vasi.

Performance atletiche: Sempre più atleti -fra loro ricordiamo Stephen Cuppy (Basket), Tom Brady (NFL), i campioni olimpici Aly Raisman (ginnasta 4 medaglie a Rio 2016), il Michael Phelps (nuotatore 20 medaglie a Rio 2016) si avvalgono della Floatation Therapy per aumentare le proprie performance e raggiungere nuovi records. Il Floating aiuta a velocizzare il recupero dall’allenamento, riduce l’acido lattico e ne facilita il riassorbimento, aumenta l’ossigenazione dei tessuti. Proprio per lo stesso motivo per cui un bagno con i sali di Epsom è stato da sempre un ottimo alleato per gli atleti in fase di recupero, la soluzione di sale di Epsom contenuta nelle vasche di Floating è divenuta un imperdibile appuntamento per i migliori atleti dei nostri giorni.

Migliorando la concentrazione e la focalizzazione e migliorando la visualizzazione, le vasche dideprivazione sensoriale aiutano gli atleti a migliorare il loro “gioco mentale”. 

Dolore: I benefici che si possono trarre da un bagno nel Sale di Epsom includono il sollievo da dolori muscolari, dolore e infiammazione delle articolazioni, compresi i sintomi dell’artrite. Un bagno nella soluzione di sali di Epsom contenuta nelle vasche di galleggiamento può amplificare enormemente gli effetti benefici 

Galleggiare senza peso in una soluzione contenente 520 Kg di Sale di Epsom (MgSO4) riduce i livelli di acido lattico nel vostro sangue, riducendo dolore e infiammazione. Inoltre il profondo rilassamento e riposo induce il vostro cervello a rilasciare notevoli quantità di Endorfine - sostanze antidolorifiche endogene-

I benefici per la salute della Floatation Therapy possono durare per giorni, settimane e perfino per mesi dopo il trattamento -ogni Floating addizionale più solo amplificare gli effetti dei precedenti. Pronti per immergervi e fluttuare? E se non Troverete un beneficio entro tre trattamenti vi restituiremo i soldi che avete pagato.

Se il floating ha apportato benefici significativi nella vostra vita e per il vostro stato di salute saremo lieti di conoscere la vostra storia.

Come l'assenza di gravità influenza il corpo umano

All’inizio della corsa alla scoperta dello spazio, gli astronauti hanno usato per la prima volta la vasca per deprivazione sensoriale (floating, galleggiamento) durante la loro preparazione. Tutt’oggi, la NASA ancora addestra il proprio personale spaziale con questi dispositivi. Tuttavia, mentre gli astronauti devono sapere come l'assenza di peso influenzerà i loro corpi nel lungo periodo, le vasche di galleggiamento (floating) si concentrano sulla fornitura di benefici a breve termine agli utenti. È interessante notare come, quando utilizzate come terapia di supporto, le sessioni di floating hanno effetti esattamente opposti a quello di un’attività di lunga durata nello spazio.

Nello spazio, la mancanza di gravità prolungata per molto tempo (settimane, mesi) inizia a ridurre i muscoli e la massa ossea causando dolore diffuso e una cattiva funzionalità delle articolazioni. La diminuzione della massa muscolare influenza anche la capacità del cuore di pompare il sangue. Tuttavia, in un ambiente a gravità zero, il flusso sanguigno non deve vincere le resistenze generate dal suo passaggio attraverso il cuore o la nostra testa come invece succede sulla terra, con il risultato che il sangue scorre più liberamente nelle estremità superiori e può causare gonfiore nel volto ed evidenziare i capillari negli occhi.

Gli astronauti possono permanere solo determinate e limitate quantità di tempo nello spazio per evitare di soffrire di questi effetti negativi. Anche gli astronauti che trascorrono solo pochi giorni nello spazio possono avere problemi di salute a causa dell’assenza di gravità. Nonostante i progressi scientifici in questo settore, gli effetti a lungo termine di una prolungata esposizione alla micro-gravità o assenza totale di questa per lunghi periodi di tempo sono ancora insostenibili per gli esseri umani

Tuttavia, per limitati periodi di tempo, la sensazione di gravità offre un numero stupefacente di benefici per la salute. Per certi aspetti l'esperienza di assenza di gravità provata nella vasca di galleggiamento (Floating Pod), è simile all'esperienza di essere nello spazio, ma non esattamente la stessa. Sei ancora sulla terra, che è governata dalla gravità, ma galleggi con la stessa esperienza sensoriale di assenza di gravità. Regolari sessioni in un una vasca di deprivazione sensoriale consentono ai muscoli di rilassarsi completamente, accelerando i tempi di guarigione. Il Floating può attenuare il dolore articolare e muscolare causato da lesioni, stress e malattie che interessano l’apparato muscolo-scheletrico. Molte persone utilizzano con successo le vasche di galleggiamento come un trattamento complementare accanto alle terapie tradizionali.

I benefici della deprivazione sensoriale di breve termine (da 1 a10 ore) si estendono anche alla mente. Molti utenti descrivono come la sensazione di assenza di gravità abbia un effetto profondo sul loro stato mentale: vivono infatti un totale stato di relax senza rumori, luce e suono. Molti che soffrono di dolore cronico, insonnia, depressione e stress trovano totale recupero dall’esperienza di galleggiare in assenza di peso vissuta nella vasca di galleggiamento.

Le esperienze vissute durante il galleggiamento (floating) non possono essere trovate in alcun altro metodo sulla terra. La totale deprivazione sensoriale e la sensazione di assenza di gravità fornita dalla soluzione salina contenuta nelle vasche di floating sono totalmente uniche. 

Chiunque sia interessato a praticare la mindfullness o alleviare qualsiasi sintomo mentale e fisico può trovare di valore inestimabile fare regolari sessioni di floating in una vasca di galleggiamento.

Scopri come qui da noi a Floating Flo.

OPEN DAY GRATUITO SU NUTRIZIONE E BENESSERE

A CURA DELLA DOTT.SSA VALENTIA CUDIA

QUANDO: MERCOLEdÌ 22 MARZO 

DOVE: PRESSO FLOATING FLO

 

Stanco delle solite diete ipocaloriche e inefficaci sul lungo termine? 

Desideri una alimentazione-dieta efficace, gustosa e sana?

Scopri come potenziare con la dieta l’effetto drenante dei tuoi trattamenti benessere.

Ti piacerebbe avere un dimagrimento localizzato?

Vuoi essere seguito per costruire un nuovo e corretto atteggiamento mentale verso il cibo?

Sei uno sportivo, un atleta e vuoi un piano alimentare che migliori la tua performance?

Desideri perdere la massa grassa ma in contemporanea aumentare la massa muscolare?

PRENOTA LA TUA VISITA GRATUITA PER OTTENERE:

  • Scheda anagrafica
  • Valutazione della abitudini alimentari
  • Valutazione dello stato nutrizionale
  • Valutazione antropometrica (IMC, peso, altezza)
  • Consigli per una sana e corretta alimentazione

Prenota la tua consulenza gratuita inserendo questo codice promozionale:          "Open Day Nutrizione"

 

l'80% delle malattie deriva da carenza di Magnesio Scopri nel Book come assumerlo in modo ottimale

Dott. Pierre Delbet

Dott. Pierre Delbet

Nelle sue ricerche, Pierre Delbet fu coadiuvato dal Dottor Neveu, ma i benefici del Cloruro di Magnesio hanno interessato parecchi medici e ricercatori, tra cui l’italiano Raul Vergini.

Se gli alchimisti assegnavano la denominazione di Panacea Universale al chermes, minerale ritenuto capace, oltre che di guarire ogni male, anche di prolungare indefinitamente la vita, a questo punto anche il Cloruro di Magnesio potrebbe arrogarsi, senza tema di smentita, lo stesso titolo.



La cosa incredibile è come la carenza di Magnesio sia sempre stata ignorata dai medici come possibile causa di almeno una buona parte dei disturbi che affliggono l’essere umano.

Il Magnesio è un elemento essenziale presente in tutti gli organismi, indispensabile per lo svolgimento di numerose reazioni enzimatiche. L’organismo umano ne contiene circa 25 grammi, localizzati per lo più nelle ossa, nei muscoli, nel cervello e in altri organi come fegato, reni e testicoli.
Il Magnesio ha la capacità di produrre l’equilibrio minerale necessario agli organi per l’espletamento delle loro funzioni, come per esempio i reni, alimenta l’acido urico nelle artrosi, ha potere decalcificante fino alle più sottili membrane nelle articolazioni, nelle sclerosi e nelle sclerosi calcificate, quindi è un valido aiuto per prevenire gli infarti poiché purifica il sangue. Rinvigorisce anche il cervello: diversi studi attestano la sua validità nel mantenerne la gioventù, fino alla vecchiaia.

Malgrado tutto ciò, Il Magnesio è – tra tutti gli elementi – il meno somministrato.

La sua importanza è stata, e ancora oggi continua a essere dai più, sottovalutata.

"Chissà forse perché non è così costoso come molti dei medicinali che siamo costretti ad assumere per lenire le nostre sofferenze o attenuare i sintomi delle patologie che le causano che, altrimenti, sarebbero molto, molto, più efficacemente ed economicamente trattabili con la semplice e corretta assunzione di Magnesio".

Se è stato dimostrato come, con l’uso del Magnesio, aumenti anche la conta dei globuli bianchi perché questo effetto, che porta il nome di citofilassi, continua a essere ufficialmente trascurato? Come dire che per l’essere umano non sia importante avere la possibilità di aumentare il proprio tono immunitario.

Secondo Padre Beno J. Schorr, professore di fisica, chimica e biologia al Collegio di Santa Caterina “Il Magnesio elimina il calcio dai punti indebiti e lo fissa solidamente alle ossa. Dopo i 40 anni l’organismo assorbe sempre meno magnesio, producendo vecchiaia e dolori perciò deve essere preso secondo l’età. Dai 40 ai 55 anni: mezza dose (una dose = una tazzina da caffè). Dai 55 anni ai 70: una dose al mattino. Dai 70 ai 100 anni: una dose al mattino ed una alla sera”. (1985)

E’ del 1932 la ricerca di Schrunipf-Pierron: la dieta abituale delle popolazioni rurali dell’Egitto forniva quasi due grammi di Magnesio al giorno. Risultato? Tra i contadini egiziani l’incidenza del cancro era 10 volte inferiore a quella delle popolazioni di Europa e USA, mentre quella del cancro allo stomaco addirittura 50 volte minore. Non a caso, anche Delbet orientò la sua ricerca anche in quest’ambito.

Nel quotidiano, Schrunipf-Pierron osservò come i contadini egiziani non soffrissero di raffreddori, influenze, polmoniti e pleuriti. Le loro donne partorivano con estrema facilità, mentre gli anziani conservavano un’ “andatura elegante e armoniosa anche in età molto avanzata”.

La Fibromialgia o Sindrome Fibromialgica, detta anche Fibrosite, è un disturbo che dipende principalmente dall’errata comunicazione intercellulare. Questo a volte porta a sentire grande dolore in risposta a stimoli lievi, proprio perché vi è un’ errata elaborazione da parte del cervello delle informazioni date dalle estremità del corpo. È una forma reumatica (affezione che interessa ossa, muscoli, legamenti e altri tessuti molli) di natura cronica, caratterizzata da dolore diffuso, affaticamento e disturbi del sonno. È molto debilitante e diffusa soprattutto fra le donne con aree sensibili nei tessuti connettivi, in particolare del collo, della colonna vertebrale, delle spalle e dell’anca. Sembra possa essere favorita dallo stress e scatenata da una serie di fattori diversi tra cui le lesioni traumatiche (es. un colpo di frusta). Una delle cause della Fibromialgia sembra possa essere anche l’ACIDOSI dell’organismo. I sintomi sono molti e così diversi tra loro da mandare in crisi più di un medico e, per questo, non sempre viene diagnosticata tempestivamente: i punti focali localizzati nelle varie aree del corpo possono variare da un giorno all’altro. Non solo, i fattori ormonali, chimici e lo stato di stress possono influenzare fortemente lo stato generale. Una corretta assunzione di Magnesio risolve l'acidosi e riesce ad attenuare i sintomi se non a farli scomparire del tutto.
Sia chiaro, il Cloruro di Magnesio non è una medicina, bensì un alimento che non ha controindicazioni ma soprattutto è compatibile con qualsiasi cura farmacologica in corso. Ha comunque una peculiarità non indifferente: prenderne una dose per un dolore soltanto fa sì che eventuali altri dolori guariscano comunque, perché il sale mette in ordine tutto il corpo.

Dove trovare Il Magnesio? Presto detto: nei cereali integrali, la soia, i fagioli, i vegetali in genere (se coltivati con metodo biologico), i frutti di mare, cioccolata e cacao. Essendo un prodotto di scarto del sale, va da sé che anche il sale marino sia ricco di Magnesio. Peccato però che l’impego di concimazioni minerali e il raffinamento dei cibi portino alla quasi totale perdita di magnesio. La stessa cottura può portare a un impoverimento dello stesso fino al 70%.

Il metodo ideale per assorbire il magnesio rimane comunque quello attraverso la pelle (Magnesio Transdermico).

Come scoprire se si è carenti di Magnesio? Molto spesso i sintomi passano per ansia, ipereccitabilità muscolare, cefalea, vertigini, insonnia, asma, alterazioni del ritmo cardiaco, stanchezza eccessiva, disturbi del ciclo mestruale.

Dire che si sarà immuni da tutte le malattie è impossibile, ma sapere che c’è la possibilità di attenuare i dolori e il decadimento del corpo, è già una ragione importante per cominciare ad assumerlo. Anche perché il corpo, nella sua grande intelligenza fisiologica, elimina l’eventuale eccesso da solo. Al massimo, pulirete l’intestino. Che male non fa.


"Per quanto mi riguarda, devo ringraziare un erborista che, anni fa, mi ha letteralmente “rimessa al mondo” consigliandomi il Cloruro di Magnesio. La pigrizia a volte prende il sopravvento e io stessa, pur consigliandolo a tutti, dimentico di assumerlo. E gli effetti si vedono. Per quanto mi riguarda, uso il Magnesio Transdermico o Floating Oil, scelto dopo aver letto il libretto accompagnatorio. Iniziato con il pensiero che comunque male non faceva, ho visto sparire in poco più di una settimana un dolore alla schiena che credevo cronico, e non solo. Potete trovare questo prodotto nelle farmacie più lungimiranti, nelle erboristerie, o ordinarlo online Floating Flo. Francamente dove lo acquistiate non ha importanza. Posso solo dirvi che mi ha aiutata, tanto. Così ho pensato fosse giusto e doveroso, da parte mia, mettervi a parte del mio “piccolo segreto”. 


TRATTO DA: ILgiornale delle buone notizie

 

Compila il tuo ordine per i Prodotti Magnesio e scarica l' Mg Book di 50 pagine con la guida all'utilizzo, l'assunzione e le indicazioni terapeutiche del Magnesio:

 

 

Ti servono più risorse celebrali? Ecco come ottenerle

Scritto da Dr. Matthew Starwood

Nei post passati abbiamo parlato della struttura del nostro cervello e di come essa si sia evoluta.

In buona sostanza siamo dotati di 3 cervelli che si sono evoluti uno sull'altro iniziando col il più primitivo ed istintivo: il complesso celebrare "rettiliano" (in fondo ci hanno sempre raccontato che i nostri antenati erano rettili), su di esso si è sviluppato successivamente il sistema Limbico in cui risiede l'ippocampo necessario a fissare la memoria a lungo temine, fino all'ultimo stadio evolutivo: la neo corteccia celebrale, che ci differenzia da quasi tutti gli altri mammiferi e dove risiedono le nostre capacità elaborative, la parola e la memoria a lungo termine. Questo "millefoglie a tre strati" comunque non si è evoluto garantendo una connessione ottimale fra i tre cervelli ma questi strati si sono sovrapposti in tempi anche ben delineati da scatti evolutivi non si sa come o per mezzo di chi o che cosa, senza che vi sia stato un continuum evolutivo che garantisse l'interscambio di informazioni in modo naturale e continuo fra gli stessi. Cioè: i tre cervelli non si parlano come si dovrebbero parlare e quasi sempre danno risposte scoordinate fra loro. Quante volte diamo più retta all'istinto piuttosto che alla razionalità? Chiunque riesca in qualche modo ad allineare ed a controllare il funzionamento dei tre cervelli acquista proprietà cognitive superiori alla media ed eccelle: in bene ed in male a seconda di come la propria spiritualità possa più o meno influenzarlo.

30992E2700000578-3417599-image-a-5_1453824735147.jpg

Nel Sistema Rettiliano risiede il così detto RAS (Sistema Reticolare di Attivazione) che ci permette di distinguere fra eventi normali e straordinari ed di conseguenza attivare determinate risposte nel nostro corpo mediante secrezioni di segnali ormonali. Funziona come un interruttore con una sua soglia di attivazione. Il RAS influenza la nostra personalità. Persone con un RAS che permette il passaggio di molte informazioni e stimoli, non cercano stimolazioni ed interazioni extra e tendono ad essere timidi ed introversi e cercano di limitare questa loro sensibilità utilizzando alcool o depressione, marijuana. Persone con un RAS molto restrittivo tendono invece a sempre a ricercare più informazioni ed interazioni per sentirsi vivi e tendono ad essere estroverse ed sfacciate cercando di stimolare la loro sensibilità utilizzando droghe eccitanti come cocaina, speed ecc. Inutile dire che il RAS ha molto a che fare con le dipendenze. Il Floating ha un effetto molto potente nell'influenzare la risposta del RAS inducendone un profondo rilassamento ma mantenendone uno stato di suscettibilità molto alto. Questo è il motivo per cui il Floating ha un influenza così forte sul consumo di alcol, droghe, comportamenti nevrotici, timidezza, introversione e estroversione.  

Il Sistema Limbico tende a influenzare il modo in cui percepiamo le informazioni in arrivo. Questo determina il modo in cui percepiamo il mondo e la nostra vita: pessimistico o ottimistico. Di conseguenza il sistema Libico influenza il comportamento e l'orientamento sessuale, l'attaccamento ai genitori e l'essere più o meno altruistici. 

Una parte fondamentale del sistema Libico nonché componente fondamentale di tutti il cervello è l'Ipotalamo. Esso rappresenta il principale regolatore delle funzioni del nostro corpo. La stimolazione dell'ipotalamo causa una intenso piacere. L'ipotalamo è anche il regolatore principale della risposta al dolore ed allo stress. Se le informazioni inviate ad esso sono ritenute essere stressanti, si ha la secrezione di opportuni neuro trasmettitori dalla ghiandola pituitaria e dai surreni. Il Rush adrenalinico e la conseguente risposta "lotta o combatti" proviene da li. In pratica l'ipotalamo è il luogo che determina se trasformare l'informazione in arrivo in stress e dolore oppure in piacere.

In buona sostanza il sistema limbico-ipotalamico è il principale trasduttore psicofisico, atto a convertire le informazioni della mente in risposte biochimiche dell’organismo (principalmente attraverso la secrezione di ormoni).

Il Floating è stato dimostrato avere un'influenza diretta sulla'Ipotalamo. E a causa di questo impatto su una così importante parte del nostro cervello, il Floating ha un potente impatto sull'umore, sulle emozioni e nella relazione fra mente-corpo.

Neo Corteccia. E' la parte del nostro cervello che si è evoluta per ultima, quella che differenzia i mammiferi come capacità cognitive e di ragionamento da tutti gli altri animali. E' il centro di elaborazione delle informazioni sensoriali che vengono processate per pianificare movimenti volontari e pensieri complessi. In essa risiede la memoria a lungo termine.

Si può dire che il problema principale che rallenta lo sviluppo celebrale sia la mancanza di comunicazione fra i tre strati del millefoglie cerebrale. Quando la comunicazione fra queste tre parti migliora, la si definisce "Allineamento Verticale" e ad essa corrispondono capacità mentali incredibilmente aumentate.

Gli esseri umani stanno provando a raggiungere questo allineamento verticale da migliaia di anni con vai metodi fra cui la meditazione ma che richiedono migliaia di ore di pratica, un'incredibile autocoscienza e una ferrea disciplina. La vasca di Galleggiamento raggiunge questo in una frazione di tale tempo; ci sono alcune ragioni per cui questo può essere raggiunto all'interno della vasca:

Floating e Allineamento Verticale Celebrale: Le tue risorse Extra.

Deprivazione Sensoriale - Una volta raggiunta la deprivazione sensoriale all'interno della vasca, il nostro RAS realizza che il livello di stimolazioni sensoriali è troppo basso ed attiva la sensibilizzazione dei nostri sensi. Questo aumento ci rende molto più consapevoli di pensieri, emozioni e sensazioni provenienti dal nostro fisico come il battito cardiaco ed la respirazione. Questa consapevolezza contribuisce all'allineamento dei tre strati celebrali.

Calmando il RAS - Come rovescio della medaglia il RAS spesso percepisce il floating come un sovraccarico sensoriale in quanto si stanno sperimentano e notano cose che non abbiamo mai sperimentato prima. Questo conduce il RAS a porci in uno stato di estrema calma mentale, profondo rilassamento e immobilità fisica. Il risultato è uno stato che non siamo abituati a sperimentare abitualmente (a meno di essere già "flonauti"); una singolarissima sistuazione in cui siamo straordinariamente calmi ma nello stesso tempo molto consapevoli ed intensamente consci.

Il Sistema Limbico Ipotalamico aumenta la secrezione di endorfine - Il Floating non induce soltanto un abbassamento della secrezione degli ormoni dello stress quali cortisolo, adrenalina, norepinefrina, ACTH, ma incrementa il rilascio di endorfine. Questo rilascio permette al sistema limbico di esercitare una forte influenza sulle altre parti del cervello portandoci in uno stato di euforia. Adesso viene il meglio: in queste condizioni il sistema limbico porta la corteccia a lavorare in modo da sincronizzare gli emisferi destro e sinistro, portando la frequenza delle onde celebrali sui 4-8 Hz (lo stato Theta) incrementando le nostre capacità di visualizzare ed avere accesso alle nostre risorse e memorie più profonde. 

Conclusione:

Se avete avuto la pazienza di leggere i fatti descritti sopra, ed arrivare fino a qui, vi sarete certamente resi conto che il Floating/ Galleggiamento/Deprivazione sensoriale permettono di raggiungere questo allineamento verticale trasformando il nostro millefoglie celebrale in un'unità cognitiva molto potente. Come scriveva Hutchison "il Floating ci permette di agire con una libertà, una chiarezza di obiettivi e un senso del tutto che raramente abbiamo sperimentato nella nostra vita." 

E' o non è un superpotere?

A presto e.... Keep Floating! 

Matthew Sterwood

 

Risorse collegate:

PERCHÉ SI CHIAMA FLOATING

9 SUGGERIMENTI PER "FLONAUTI" PRINCIPIANTI

5 PASSI PER SCATENARE LA TUA CREATIVITÀ ALL'INTERNO DELLE VASCHE DI FLOATING

BREVE PRESENTAZIONE SUL MINDFULNESS. EVENTI FLOATING CAFÉ

JOHN LILLY E GLI STATI ALTERATI DI COSCIENZA

BREVE PRESENTAZIONE SUL GALLEGGIAMENTO (FLOATING)

http://informa.airicerca.org/it/2014/08/26/dinosauri-mammiferi-neocorteccia/

Vuoi Fare un sogno Lucido?

Scritto da Dr. Matthew Starwood

Introduzione.

Il “Sogno lucido è un sogno consapevole”… cioè un sogno in cui il sognatore si accorge di stare sognando e pilota il sogno a suo piacimento. Significa che ci si proietta in un mondo fantastico generato dalla nostra mente in cui si può essere e fare tutto quello che si vuole come in una virtualità aumentata generata dal più potente computer che esista (per ora): la “nostra mente”… e lo si fa senza ovviamente temere le eventuali conseguenze che deriverebbero al farlo nel mondo reale, consapevoli che si sta riposando nel nostro letto, nel floating pod o in qualche altro luogo.

Si può volare come deli uccelli o levitare, spostare oggetti col pensiero o abbandonarsi ai nostri desideri più intimi, comporre musica, dipingere, esplorare un pianeta in un’altra galassia… Le possibili applicazioni sono pressoché infinite e limitate solo dalla nostra fantasia e dalla propria abilità nel sognare e dirigere il sogno lucido. 

Se vi siete incuriositi allora vi chiederete - “Ok, mi interessa ma… Come posso fare un sogno lucido?” A questa domanda non corrisponde una risposta univoca ed esatta dato che siam tutti diversi gli uni dagli altri e dotati di facoltà mentali diverse a cui corrispondono ricette diverse. Quindi la risposta giusta è come in molte altre attività attinenti la nostra mente è: “Dipende”… tuttavia, per i sognatori lucidi “non naturali”, si possono identificare poche semplici regole base alle quali attenersi per creare lo status mentale idoneo per raggiungere e sviluppare il proprio sogno lucido. lo stato di meditazione profonda raggiunto durante le sessioni di floating da almeno 90 min costituisce un’ottima opportunità per sfruttare almeno 45-60 minuti della sessione ed accedere a questa incredibile esperienza.

Desiderio di avere un sogno lucido.

Può sembrare una banalità ma, per qualcuno il semplice desiderio di avere un sogno lucido può essere sufficiente ad averne uno davvero. La forte motivazione contribuisce a stabilire una certa costanza ed impegno necessari per tenere un Diario Onirico su ui appuntare tutte le proprie esperienze oniriche, meditare e se necessario svegliarsi di notte per riflettere e prendere appunti. Non succederà subito magari, ma state certi che tutto l’impegno verrà ampiamente ripagato al primo sogno lucido che farete.

Dormire bene

Sembra una banalità ma non lo è… dormire non serve solo a recuperare l’energia necessaria ad affrontare gli impegni della giornata che segue, a rigenerare il nostro fisico e riorganizzare le esperienze vissute memorizzandole in modo da poterle richiamare al bisogno, serve soprattutto perché un buon sonno regolare e adeguato ci permette di avere un’adeguata presenza della fase REM, durante la quale si sogna e durante la quale si hanno i “Sogni Lucidi”. Il sonno si realizza in cicli di circa 90 minuti durante i quali si ha un’alternanza di onde delta proprie della fase NON REM e la fase REM; con un’aumento in durata di quest’ultima man mano che ci si avvicina alla fine del sonno. C’è quindi una più alta facilità di avere i sogni lucidi dalle 5 alle 7 del mattino se le 7 sono l’orario tipico al quale dobbiamo svegliarci. 

Ovviamene dormire poco e male diminuisce il numero dei cicli di 90 minuti e con essi anche le durate delle corrispondenti fasi REM e quindi la probabilità di sognare ed avere sogni lucidi.

Stabilire una routine serale che si conclude con l’addormentarsi è estremamente utile. Com’è utile non utilizzare la luce blu degli smartphone nelle 4 ore antecedenti l’orario abituale a cui andiamo a coricarci. ma per questo vi rimandiamo ai nostri post sul sonno.

Se dormiamo in modo regolare possiamo pensare di sfruttare le ore introno all’alba per fare una sessione di Floating e massimizzare la durata della fase REM aumentando moltissimo la probabilità di fare un sogno lucido e di pilotarlo a nostro piacimento.

Ricordare cosa avete sognato

Un primo obiettivo da raggiungere quando iniziamo questo percorso verso il sogno lucido è riuscire a ricordare cosa si è sognato. Tutti noi sognano durante la notte, ma non sempre ci ricordiamo quello che abbiamo sognato e questo perché i sogni sono impressi nella memoria a breve termine 10-15 min che di per se è una “cash” che si sovrascrive ogni 10-15 min. 

L’unico modo per riuscire a ricordare quel che si è sognato è un risveglio improvviso e un’immediata analisi di quel che ci ricordiamo dell’esperienza appena vissuta, se invece si continua a dormire il ricordo svanisce. La cosa interessante per l’aspirante sognatore lucido è il fatto che ricordarsi i sogni è un’abilità che si può apprendere ed il miglior strumento che ci consente di farlo è tenere il “diario onirico” in cui appuntare tutti i ricordi dei sogni anche i più insignificanti.

Meditare

Praticare la meditazione costituisce una tecnica indiretta perché esistono studi che confermano che soggetti che i sogni lucidi si verificano soprattutto come effetto secondario in soggetti che praticano la meditazione abitualmente. Questo sembra sia dovuto al fatto che la meditazione mira a sviluppare la consapevolezza del proprio stato mentale mediante il ricorso alla visualizzazione di immagini, oggetti, pensieri. Ovviamente si deve riuscire meditare con profitto ed anche in questo caso la vasca di deprivazione sensoriale ed il Floating sono l’ambiente più idoneo a farlo perché privo di distrazioni dove la tua mente è libera di attivarsi e pensare solo a se stessa. 

Una pratica molto utile per abituarsi a ricapitolare e predisporsi per le esperienze successive è la “meditazione riepilogativa”ovvero l’analisi delle esperienze vissute durante la giornata fatta prima di addormentarsi. Questo permette di vagliare le esperienze in base alla loro significatività e di scaricare eventuali conseguenze o pensieri ad esse associati in modo da avere la mente sgombra prima di addormentarsi.

Test di Realtà

Ci si deve abituare a dubitare della realtà in cui si sta vivendo. Strano? forse in po, ma l’abituarsi a mettere in dubbio la realtà ci avvicina sempre di più al sogno e funziona… Si ma come fare a dubitare della realtà?

Facile, basta chiedersi spesso durante la giornata in quale realtà ci si trovi eprovare per un po a fingere di credere di essere realmente in un sogno e di fare un reality check o (RC), immaginandoci per un istante che tale test evidenzi che ci si trovi in un sogno e di conseguenza crisi sfreghi le mani, ci si dia un pizzico per verificare che alla fine non è così. pare un po contorto ma… funziona. Un’unica raccomandazione, non fatevi notare mentre lo fate: è molto probabile che chi vi osserva lo ritenga parecchio strano…

Il reality check è in grado di aumentare la probabilità di fare un certo tipo di sogni lucidi di tipo DILT che descriveremo più avanti, ma che sono sogni in cui si acquisisce la lucidità (consapevolezza) quando il sogno è già in corso. 

Come indurre il sogno lucido

Quando riuscirete a ricordare almeno un sogno a notte, SARETE PRONTI PER INIZIARE con le tecniche di induzione vere e proprie. 

Queste possono essere suddivise in 2 categorie in base al fatto che il sogno lucido venga o meno indotto durante un sogno o uno stato di veglia. 

  1. Tecniche mnemoniche: la tradizionale DILT (Dream Induced Lucid Dream) ovvero sogno lucido iniziato (direttamente) dal sogno: è molto semplicemente un sogno in cui l’onironauta si accorge di stare sognando. DILT indica anche quelle tecniche che aiutano l’induzione del sogno lucido mentre si sta già sognando e che si contrappongono a quelle tecniche che che cercano di indurre il sogno lucido direttamene da uno stato di veglia WILD ovvero sogno lucido iniziato da uno stato di veglia.
  2. Tecniche di transizione: la WILD (Wake Initiated Lucid Dream) ovvero sogno lucido iniziato da uno stato di veglia. Mediante questa tecnica l’onironauta riesce a ad entrare in un sogno direttamene dallo stato di veglia senza alcuna perdita di coscienza.

Della categoria 1 fanno parte la Reflection e la MILD (Mnemonic Induction of Lucid Dreams) ovvero “induzione mnemonica di sogni lucidi” che fu sviluppata da Steven La Berge mentre investigava sulla possibilità diavere sogno lucidi a piacimento. Questa tecnica prevede di utilizzare la memoria prospettica allo scopo di avere sogni lucidi. 

Della categoria 2 fanno parte la WILD e la DEILD (“dream Exit Initated Lucid Dream”). In questa tecnica si sfrutta la tendenza del cervello a rimanere nella fase REM per qualche secondo anche dopo essersi svegliato da un sogno nel caso non ci si muova. In pratica questa tecnica permette di rimanere nella fase REM corrente e di iniziare in modo consapevole un nuovo sogno lucido dallo stato di veglia.

Scelta della Tecnica di Induzione più adatta

Veniamo alla pratica: come si sceglie la tecnica di induzione più adatta? Dato che il rapporto con il mondo dei sogni è molto personale, la scelta varia molto da individuo a individuo, ed è per questo che co sono persone più portate per una tecnica rispetto ad un’altra. Un consiglio: iniziate con una tecnica di tipo Mnemonico, la MILD, perché più facile da praticare ed anche molto più proficua. Le tecniche di transizione necessitano di una predisposizione naturale e sono anche molto più difficili da utilizzare con profitto, specialmente la WILD. Qualsiasi tecnica deciderete di utilizzare potrà essere comunque potenziata con la WBTB (“Wake Back to Bed”: svegliarsi e tornare a letto), ed è esattamente quello che il nome suggerisce. Dato che i sogni sono composti da quello che si trova nella nostra mente, lo svegliarsi prova di un sogno e pensare di voler fare un sogno lucido è stato dimostrato essere un metodo molto efficace per aumentare la possibilità di averne uno: praticamente un risveglio notturno dedicato ad “attivare” la mente e a istruirla con nozioni sui sogni lucidi. Di per se la WBTB da sola può essere sufficiente ad ottenere un sogno lucido ma associarla ad una delle tecniche di induzione aumenta esponenzialmente la possibilità di avere un Lucido. Raccomandiamo la pratica del Floating con sessioni di deprivazione sensoriale di almeno 90 minuti di durata per imparare ad entrare ed uscire dalla fase di veglia in modo volontario accedendo alla fase REM e praticando la WBTB… una ricetta che con un po do pratica è infallibile: provare per credere!

La costanza

Una raccomandazione: tutto quello che fate non ve lo ha ordinato il dottore e lo fate ovviamente solo se vi piace: non deve essere un obbligo e neppure un peso, deve essere fatto con entusiasmo e soprattutto con costanza. I lucidi non arrivano per caso, vanno maturati, vanno desiderati profondamente, ma siamo sicuri che con la costanza ed un po' di Floating ci riuscirete senza alcun dubbio. Idealmente vi consigliamo di utilizzare le varie tecniche di induzione tutti i gironi e di fare una sessione di Floating da 90 min a settimana per almeno 3 settimane.

L’ultimo consiglio: NON ARRENDETEVI e non demoralizzatevi! Molto probabilmente saranno necessarie alcune settimane prima di ottenere un Lucido, ma quando ci riuscirete, ed inizierete ad averne in successione, sarete ampiamente ripagati di tutto l’impegno e la fatica!

Sogni d'oro ... ma lucidi, lucidi.  

                                                                                                                                                     Matthew

Menziona codice promozionale "Lucid" nel form sopra per avere uno sconto di 10 euro sulla tua sessione di 90 min.

Nuovi Prodotti Benessere Per Corpo e Spirito

L'amicizia fra Paolo Petracchi Direttore di Floating Flo e SIleno Cheloni Maestro Profumiere di AquaFlor si è sviluppata in una forte collaborazione che va oltre la Floating Ipno Aroma Terapia di cui abbiamo parlato nei post corsi. Da Maggio AquaFlor ha concesso la vendita dei loro prodotti per la cura del corpo a Floating Flo. La potenza evocativa delle fragranze sapientemente miscelate da Sileno Cheloni nei suoi prodotti li rende unici non soltanto per la cura del corpo ma soprattutto per quella dello spirito.

Le creme corpo Rugiada, Mediterranea, Frescura e Mistura sono delle carezze che ti fanno viaggiare verso luoghi nascosti e speciali.

Una selezione di saponette alle fragranze più inaspettate come quella di Pomodoro vi risveglieranno donandovi un'energia nuova.

A questi prodotti si vanno ad unire profumi unici come Calembour, Beirut Orphyca, Derwish e Oltremare che potevate già utilizzare come ancore sensoriali nelle sessioni di Floating Ipno Aroma Terapia e indossare poi il profumo per richiamare lo stato d'animo obiettivo della suggestione ipnotica a cui era ancorata la fragranza.

Frangranzia è oramai il timbro olfattivo Floating Flo e puoi trovarlo in due versioni con e senza concentrato per diffusori.

 

Risorse Collegate:

PERCHÉ SI CHIAMA FLOATING

9 SUGGERIMENTI PER "FLONAUTI" PRINCIPIANTI

FLOATING IPNO AROMA TERAPIA

5 PASSI PER SCATENARE LA TUA CREATIVITÀ ALL'INTERNO DELLE VASCHE DI FLOATING

BREVE PRESENTAZIONE SUL MINDFULNESS. EVENTI FLOATING CAFÉ

JOHN LILLY E GLI STATI ALTERATI DI COSCIENZA

BREVE PRESENTAZIONE SUL GALLEGGIAMENTO (FLOATING)

http://informa.airicerca.org/it/2014/08/26/dinosauri-mammiferi-neocorteccia/

Cosa accade se non dormi in modo regolare e a sufficienza per lunghi periodi.

Credits to TED ED e Claudia Aguirre

Nel 1965, Randy Gardner, un giovane studente di 17 anni, restò sveglio per 264 ore: ovvero 11 giorni, per scoprire cosa sarebbe accaduto senza dormire. Al secondo giorno, la sua concentrazione diminuì. Successivamente perse la capacità di identificare gli oggetti al tatto. Alla fine del terzo giorno sperimentò malumore e disorientamento. Al termine dell'esperimento faceva fatica a concentrarsi, a ricordare fatti recenti, divenne paranoico e iniziò ad avere delle allucinazioni. Benché Gardner si sia ripreso senza danni permanenti a livello fisico o psicologico, per altri, l'insonnia, può essere causa di squilibri ormonali, di stati d’infermità, o, in casi estremi, di morte.

Iniziamo solo adesso a capire il motivo per il quale dormiamo, ma di certo sappiamo che è essenziale. Gli adulti necessitano dalle 7 alle 8 ore di sonno a notte, mentre gli adolescenti circa una decina.

Ci viene sonno quando il nostro corpo invia segnali al cervello per riferire che siamo stanchi, e quando segnali esterni indicano che fuori è notte. L'aumento delle sostanze che stimolano il sonno, come l'adenosina e la melatonina, induce ad un sonno leggero che man mano diventa sempre più profondo, rallentando la respirazione e il battito cardiaco, mentre i muscoli si rilassano. In questa fase non-REM del sonno il DNA viene rigenerato e l'organismo si rifocilla per il giorno successivo.

Negli Stati Uniti, si stima che il 30% degli adulti e il 66% degli adolescenti soffrano regolarmente di insonnia, e questo è un dato da non sottovalutare. Restare svegli può causare seri problemi al nostro organismo.

Quando dormiamo poco: l'apprendimento, la memoria, l'umore e la prontezza di riflessi  vengono danneggiati!

L'insonnia, peraltro, può causare infiammazioni, allucinazioni, un aumento della pressione, ed è perfino collegata ad alcune cause di diabete e obesità.

Nel 2014, un accanito fan di calcio decedette dopo essere rimasto sveglio a guardare la Coppa del Mondo per 48 ore di fila. Sebbene sia stato l'infarto a causare la morte prematura, studi dimostrano che dormire sistematicamente meno di 6 ore a notte aumenta il rischio d'infarto per ben più di 4 volte e mezzo rispetto a chi, invece, dorme regolarmente dalle 7 alle 8 ore.

Per un piccolo numero di persone nate con una rara alterazione genetica, l'insonnia rappresenta una realtà quotidiana. Questa malattia, nota come Insonnia Familiare Fatale, intrappola il corpo in uno stato di veglia privandolo della tranquillità del sonno. Nell'arco di mesi o di anni, lo stato peggiorativo di questa malattia può portare alla demenza o alla morte. 

Molte persone affette da questa patologia e dalla più comune insonnia hanno un notevole sollievo praticando il Floating: i primi perché è l'unico modo per recuperare, i secondi perché il Floating rappresenta una via di uscita sicura ed efficace dalla spirale dell'insonnia in quando chi lo pratica ricomincia a gestire la fase theta del sonno facilitando l'addormentamento sia all'inizio che in caso di risvegli e, in più, costituisce un recupero formidabile da stati di indolenzimento muscolare.

Com'è possibile che la deprivazione del sonno causi così tanti problemi? 

Gli scienziati ritengono che la risposta stia nell'accumulo di scorie nel cervello. Durante le ore di veglia, le cellule sfruttano le risorse energetiche quotidiane, che, demolite, generano vari sotto-composti, tra cui l'adenosina. Col formarsi dell’adenosina, aumenta la voglia di dormire, nota anche come pressione del sonno. Infatti, la caffeina, ostacola il percorso recettivo dell'adenosina.

Nel cervello, inoltre, si generano altri rifiuti che se non vengono espulsi finiscono per ammassarsi, diventando la causa di numerosi sintomi negativi della deprivazione del sonno.

Quando dormiamo, cosa accade nel cervello per evitare tutto questo? Gli scienziati hanno scoperto l'esistenza di un sistema glinfatico, ovvero un meccanismo di pulizia che rimuove le sostanze di scarto e che risulta essere molto più efficiente quando dormiamo.

Attraverso un liquido cerebrospinale, il sistema defluisce le sostanze tossiche che si sono accumulate tra le cellule.

Alcuni vasi linfatici, che fanno da recipienti per le cellule immuni, sono stati scoperti, di recente, nel cervello e contribuiscono anche a ripulirlo dalle sostanze di scarto.

Il Floating è un ottimo metodo per recuperare riattivare lo smaltimento dell'adenosina e delle altre sostanze di scarto dal vostro cervello.

Mentre gli scienziati esplorano i processi rigenerativi notturni possiamo starne certi, dormire è una vera e propria necessità se vogliamo preservare la nostra salute fisica e mentale.

Leonardo da Vinci, il sonno Polifasico e il Floating per avere 22 ore al giorno di attività

Scrito da Dr. Matthew Starwood

Tranquilli non vi racconterò che Leonardo faceva Floating, anche se sono convinto prima o poi ci sarebbe arrivato… in questo Post parleremo di Sonno, di come organizzarlo al meglio per renderlo efficace nel ristorarci profondamente e di come il Floating riesca ad esser un metodo molto efficace per eseguire questa riprogrammazione. Attenzione, una riprogrammazione che è molto indicata a chi soffre di problematiche relative al sonno, anche gravi come l’insonnia, non solo per aumentare l’efficienza di “ristorazione” (passatemi il termine) e di avere anche diverse ore in più a disposizione per le nostre attività. 

Cominciamo col descrivere come funziona il sonno tralasciando per il momento il perché si dorme (o si dovrebbe) e a cosa serve indicandolo con una generica necessità di ristorare mente e corpo.

Cicli Sonno Normale.jpg

Nella norma il nostro sonno è un’alternarsi di cicli NON REM (sonno Delta) e REM (Rapid Eye Movement) di circa 70- 90 min l’uno con un aumento della durata della fase REM rispetto all’altra man mano che si dorme e ci si avvicina al risveglio.

La fase NON REM corrisponde alla massima efficacia dal punto di vista del recupero e la sua lunghezza è massima subito dopo l’addormentamento e diminuisce progressivamente man mano che progredisce nel dormire durante l’alternanza con le varie fasi REM.  

La fase REM è la fase in cui si sogna (anche se la mattina non ce ne ricordiamo) ed è una fase in cui la natura dei sogni può causare affaticamento o depressione. Diminuendo la fase REM si tende ad aumentare la fase NON REM a tutto vantaggio del recupero.

Durante la vita una persona utilizza quattro abitudini o modi di dormire:  Il neonato proprio per sua natura ha un sonno Polifasico: “dorme ogni poco” e non è possibile definire un periodo continuativo in cui dorme di più. Man mano che cresce attraversa un periodo in cui dorme con un ritmo Bifasico: influenzato dal ritmo solare (melatonina, ritmo circadiano ecc) e dalle abitudini sociali; il bambino dorme molto a lungo anche durante il pomeriggio. Dall’adolescenza si una marcata prevalenza di sonno Monofasico: si dorme solo durante la notte. E man mano che s’invecchia e la senilità avanza, si ritorna al un ritmo Polifasico Ultradiano.

Nikola Tesla

Nikola Tesla

Napoleone, Thomas Jefferson, Thomas Edison, Buckminster Fuller e Benjamin Franklin, sono alcuni dei personaggi che hanno cambiato la storia di questo pianeta insieme Nikola Tesla, e Leonardo da Vinci che invece hanno creato praticamente l’80% di quello di cui ci serviamo tutti i giorni: loro erano tutte persone che non dormivano in modo “tradizionalmente monofasico” ma è documentata la loro predilezione per il Sonno con Ritmo Polifasico.

Perché? Si ritiene che in questo modo riuscivano a ristorarsi, recuperare le loro energie e mantenere al massimo le loro facoltà mentali massimizzando la durata della veglia che in Leonardo da Vinci ad esempio arrivava anche a 22 ore. Leonardo infatti alternava 4 ore di veglia a periodi di “trance” di 20 min raggiunta chiudendo gli occhi ed isolandosi in un logo tranquillo. Il tutto lo portava ad avere 6 periodi di sonno/riposo per un totale di 2 ore e ad avere 22 ore di veglia per tutte le altre attività. 

Ma come è possibile tutto questo se ci hanno sempre detto di dormire almeno 7-8 ore di sonno e possibilmente durante la notte?

E’ un modo diverso di dormire, più efficace per certi aspetti fra i quali l’Attenzione, Creatività, meno per altri.

Non è infatti la durata a garantire il massimo recupero.

Il Sonno Polifasico Ultrabreve fatto da Sonnellini brevi di 20-30 min fa guadagnare 3 ore di “autonomia”.

Quindi come fare? Si deve forzare il nostro corpo per 2-3 giorni facendo dei sonnellini di 20-30 min ogni 3 ore. Facile? … mica tanto! dobbiamo arrivarci per gradi sfruttando ed espandendo la fase di onde Theta che precede il sonno caratterizzato da onde Delta proprio della fase NON REM: quella più riposante. Si può fare in due modi: 1) soffrendo e trascinandosi come degli zombi in preda alla stanchezza, o facendo una sessione di recupero di Floating al giorno per 2-3 giorni. Il Floating ti permette di recuperare la stanchezza senza tuttavia dormire. Un volta entrato nella vasca di deprivazione sensoriale si consiglia di praticare una tecnica di meditazione per facilitare l’entrata in questo stato Theta propedeutico alla fase NON REM in modo da imparare a gestire l’ingresso volontario in Delta. Una volta imparato a gestire questa fase si è pronti per programmare una serie di “Sonnellini” ad orari fissati (ogni 3 ore dalla fine di ogni sonnellino). In circa 7 giorni si riesce ad entrare in questo regime Polifasico e beneficiare grandemente dell’energia e della vitalità sia fisica che mentale che ne deriva, aumentano il numero delle ore produttive della propria giornata.  

Se fate un’attività che necessita di massima attenzione e vigilanza come controllori di volo, piloti, astronauti, circumnavigatori solitari. il Sonno Polifasico è per voi. Navy Seals, Astronauti e Navigatori solitari imparano ad utilizzare il sonno Polifasico per massimizzare le loro prestazioni, acuire l’attenzione ed avere più tempo per attività produttive.

Ovviamente non si deve esagerare: un regime Polifasico prolungato per troppi mesi comporta uno sbilanciamento del sistema vegetativo (Parasimpatico) endocrino, immunitario che può comunque esse ribilanciato con un protocollo mirato di 3-4 sessioni di Floating.

Adesso sapete come aumentare la vostra produttività, gestire la vostra insonnia e magari essere un po' più Nikola Tesla, Leonardo o Napoleone.

Promozioni Di Gennaio

FLOATING FOR SPORT

Valida per acquisti entro il 31 Gennaio 2017 ed utilizzo completo del pacchetto entro il 28 Febbraio 2017. 

Se sei uno sportivo/a ed hai una tessera di riconoscimento di un'associazione sportiva puoi acquistare il pacchetto da 3 sessioni Just Floating a 150 euro. Utilizzabile Ogni Giorno di apertura ad esclusione del Sabato. Nel pacchetto è escluso il confort kit (Asciugamano, Accappatoio, Ciabattine, Earplugs).

Per beneficiare di questa promozione inserisci "Floating4Sport" nel form di richiesta appuntamento. 


EARLY BIRD

Ti da la possibilità di ottenere uno sconto di € 10 sul prezzo standard di € 70 utilizzabile per tutti gli ingressi della Mattina: 10:30 e 12:30. Ogni Giorno di apertura ad esclusione del Sabato. 

Per beneficiare di questa promozione inserisci "Early Bird" nel form di richiesta appuntamento. 


KEEP FLOATING

Ti da la possibilità di ottenere uno sconto di € 10 sul prezzo standard di € 70 dell'ingresso Floating successivo se fatto entro 7 giorni dal primo. Utilizzabile ogni Giorno di apertura ad esclusione del Sabato. 

Per beneficiare di questa promozione inserisci "keep Floating" nel form di richiesta appuntamento.


TOGETHER

Ti da la possibilità di ottenere uno sconto di € 10 sul prezzo standard di € 140 per due trattamenti simultanei (vasche separate nello stesso orario). Utilizzabile per tutti gli ingressi in tutti gli orari anche il Sabato.

Per beneficiare di questa promozione inserisci "Together" nel form di richiesta appuntamento. 


FLOMASSAGE

Ti da la possibilità di ottenere uno sconto di € 10 sul prezzo del pacchetto Floating + Massaggio per importi fino a 160 Euro e 15 euro per importi fino a € 200 (importi calcolati sommando il prezzo dell'ingresso Floating + prezzo del Massaggio scelto). Valida per tutti gli ingressi in tutti gli orari anche il Sabato.

Per beneficiare di questa promozione inserisci "Flomassage" nel form di richiesta appuntamento. 

PERFORMANCE FLOATING

Scritto da Matthew Starwood

Sono sempre di più le persone che praticano il Floating per migliorare le proprie performance sia fisiche che mentali.

In questo Post ci soffermeremo su alcuni sportivi famosi che praticano Floating regolarmente come parte integrante del loro allenamento e che grazie ad esso, hanno ottenuto risultati eccezionali.

I più conosciuti sono Carl Lewis, Aly Raissmann e Michael Pelps, JJ Simson ma gli sports in cui se vuoi eccellere e prendere una medaglia devi avere qualcosa per fare la differenza sono sempre di più e vanno dalle altri marziali, al Football americano, dal basket al Rugby, dall'equitazione al nuoto.

ve lo ricordate?

ve lo ricordate?

Vogliamo condividere con te come praticare Floating stia aiutando questi atleti, non soltanto perchè il galleggiamento all'interno della soluzione salina di sale di Epsom gli fornisce un sacco di magnesio e solfato per i loro muscoli, le loro articolazioni ed il sistema cardiovascolare, perché facilita il riassorbimento dell'acido lattico, accelera il recupero da eventuali strappi muscolari e da circa il 30% di aumento di forza l'indomani al trattamento, ma soprattutto perché la deprivazione sensoriale e l'assenza di distrazioni gli permettono di praticare la visualizzazione e l'imagery che perfezionano costantemente la loro tecnica, la motivazione, la strategia di gara. 

Anche noi di FLOATING FLO stiamo contribuendo a questo boost prestazionale e stiamo preparando alcuni Runners che stanno riscuotendo un discreto successo, I loro personali sulla maratona sono scesi di 6 minuti in 2 mesi di trattamenti con 2 sessioni di Floating di 60 min la settimana. La loro forza specialmente su percorsi in salita è cresciuta ed ha fatto la differenza durante le gare. La loro determinazione nell'affrontare gli ultimi chilometri della maratona è stata chiave per permetterli di migliorare così vistosamente le loro prestazioni. Il veloce recupero post gara fatto nelle nostre vasche di galleggiamento gli ha anche permesso di correre due maratone in meno di un mese l'una dall'altra migliorando incessantemente gara dopo gara. La cosa interessante è che queste persone hanno più di 45 anni ed erano ferme da anni sui loro personali... 

Quando proponiamo agli sportivi questo tipo di trattamento spesso ci vengono opposte perplessità circa lo stato attuale di forma fisica e le prestazioni raggiunte come se questi fossero in prefetto equilibrio e non migliorabili ulteriormente. I campioni e gli sportivi in genere che praticano Floating lo fanno perché hanno capito che le loro prestazioni in gara sono determinate non solo dalla forma fisica ma anche da quella mentale e che queste possono essere migliorare costantemente con la pratica del Floating.

Chi vince oggi non si accontenta del suo meglio ma ha la lungimiranza di provare altro. quando lo fa... vince!

 

Atletica Leggera- Aly Raisman: Oro a Rio 2016

Atletica Leggera- Carl Lewis: Oro a Seul 1988

Atletica Leggera- Phillips Idowu Oro 2008

Atletica Leggera- Jade Johnson, Argento Londra 2012

Nuoto - Michael Phelps: Oro a Rio 2016

Rugby - Willie Mason- Catalans

Football - Justin James Watt e Julian Edelman NFL

Basket- Steph Curry & the Golden State Warriors NBL

Equitazione - Harry Meade, Oro 

MMA- Tom Watson, Jen Pulver UFC