Sai Scegliere?

Credits to: AnimaTV

Il nostro Karma (destino) è sempre e comunque nelle nostre mani. Tutto quello che facciamo oggi influenza quello che noi e gli altri saremo domani a vari livelli e magnitudo.

Travolti dall'entropia del "main frame flow" delle nostre esistenze, siamo troppo spesso distratti da influenze esterne e agiamo senza "meditare" (ponderare) a fondo le conseguenze delle nostre azioni. 

A causa della nostra fisiologia, se dobbiamo fare una scelta, incapaci di gestire le 11 milioni di informazioni che in ogni momento bombardano il nostro cervello (che al massimo ne gestisce con successo "solo" +/- 8000), siamo costretti a lavorare per modelli e benchmarks (modelli o esempi che riteniamo autorevoli, affidabili dunque corretti) ma che sono comunque derivati anche da scelte che noi o altri abbiamo fatto in precedenza. 

Quasi mai agiamo con lo scopo di minimizzare l'entropia (caos) che le conseguenze delle nostre scelte possono generare! In fisica (termodinamica) l'entropia non può diminuire, tuttavia possiamo cercare di limitare il più possibile il suo aumento (dS).  La capacità di gestire questo aumento di caos o delle sue conseguenze dipende da due tipologie di fattori: in primis il nostro egoismo e poi dalla corretta interpretazione delle condizioni al contorno (condizioni ed informazioni in cui ci troviamo e che condizionano la scelta).

Una questione di velocità?

A proposito: non esistono scelte istintive! Quello che chiamiamo istinto o deriva dal nostro DNA, o dalla capacità di trovare scorciatoie fra i modelli mentali e l'interpretazione delle condizioni al contorno: più veloce e chiara ci appare la soluzione e quindi la scelta che dobbiamo fare, più le attribuiamo la caratteristica di essere istintiva… Ma alla fine è comunque influenzata da un heritage di scelte passate causa/effetto.    

Verrebbe da chiedersi se sia meglio non scegliere e lasciare che altri scelgano per noi… arrrg l'entropia aumenterebbe molto di più! Facciamo un esempio che ci tocca  tutti i giorni: provate a guardarvi intorno e poi indietro nel tempo e potrete sicuramente constatare come i nostri politici, che scegliendo per noi dovrebbero tutelare i nostri interessi, difficilmente seguono il principio di controllare l'aumento di entropia (caos). "O vi sembra che stia andando tutto per il verso giusto? Eppure almeno fino a qualche anno fa li sceglievamo noi... E mi fermo qui perché sono convinto che anche voi avreste molti altri esempi anche più calzanti di questo."

Allora come e cosa si dovrebbe fare? 

Intanto cerchiamo di capire cos'è il Karma (destino) o meglio cos'è la legge causa effetto che lo genera Per questo vi consiglio di dare un'occhiata a questo brevissimo ma interessantissimo video: 

Iniziamo a capire come poter gestire al meglio le informazioni ed i modelli (Benchmark) comportamentali che utilizziamo per fare le nostre scelte usando al meglio il nostro cervello. 

Non si dice "meditare la tua scelta" tanto per dire…

infatti per scegliere al meglio minimizzando l'aumento di entropia (caos) e le conseguenze che derivano dalle nostre scelte, dobbiamo mettere il nostro cervello, la nostra mente, nelle condizioni di poter lavorare al meglio. Il "main frame flow" di informazioni ci distrae e spesso ci trascina, aumentando, anche a nostra apparente insaputa, la superficialità con la quale interpretiamo, ponderiamo, meditiamo e alla fine scegliamo. Il main frame flow satura il nostro emisfero celebrale sinistro e ci porta a fare quasi sempre scelte di tipo tattico (risultato a breve, incuranza delle conseguenze). Quasi mai lasciamo libero l'emisfero destro di utilizzare al meglio la sua capacità di interpretare le informazioni a livello strategico (risultato sul lungo periodo, possibilità di limitare l'aumento di entropia/caos generabile dalle scelte che facciamo). Ma è quest'ultimo che dovremmo utilizzare soprattutto per fare scelte importanti. 

Utilizziamo l'emisfero destro solo 5-6 min ogni ora… lo sapevi?

Questo perché l'emisfero sinistro lo sovrasta con la necessità di analizzare tutti i dettagli e fare scelte tattiche. Quasi mai i due emisferi lavorano all'unisono, in modo sincrono e sinergico. Quasi mai non vuol dire mai, e soprattutto non vuol dire che non si possa correggere questa tendenza. Per farlo la chiave è l'Isolamento. 

Se vuoi meditare una scelta nel modo giusto devi isolare la tua mente da tutto il resto. Lo puoi imparare a fare con lo Yoga, la Meditazione, il Training Autogeno, con molto impegno e molta disciplina oppure puoi, in modo molto più semplice imparare a concentrarti limitando materialmente (fisicamente) gli stimoli in arrivo al tuo cervello, alleggerendo il carico di lavoro dell'emisfero sinistro, lasciando che quello destro venga finalmente fuori e i due lavorino insieme. Come? Utilizzando il Floating! Imparando in modo veloce, con pochissimo sforzo ed impegno a meditare concentrandoti sull'analisi delle condizioni al contorno e delle conseguenze che le tue scelte possono indurre e gestendo in ultima analisi il Karma.

All'interno delle nostre vasche di Isolamento sensoriale avrai l'ambiente ideale per meditare le tue scelte in modo efficace e corretto.

> Richiedi un appuntamento

 

Floating Flo è nata con lo scopo di massimizzare il tuo benessere sia fisico che mentale. Se vuoi saperne di più e vuoi imparare a scegliere vieni a trovarci a Firenze e saremo lieti di mostrarti come.

A presto e Keep Floating...

Matthew Starwood

 

Risorse Collegate:

OSHO: TANTRA ESTASI E FELICITA' SENZA LIMITI

3 TECNICHE DI MEDITAZIONE PER GALLEGGIARE

BREVE PRESENTAZIONE SUL GALLEGGIAMENTO (FLOATING)

SEI PREDESTINATO ALLA BEATITUDINE…

IL SILENZIO PER IL NOSTRO CERVELLO È MOLTO PIÙ IMPORTANTE DI QUANTO PENSIAMO

AVERE CRONICAMENTE SEMPRE DA FARE: LA MALATTIA DELLA QUALE NON CREDI DI SOFFRIRE

FLOATING INTO SPACE

SAI CHI SEI? QUANDO È ABBASTANZA E PERCHÈ LO FAI?

JOHN LILLY E GLI STATI ALTERATI DI COSCIENZA

SCOPRI TUTTI GLI ALTRI POST